Roma – Lazio, derby d’addio per Francesco Totti?

In Eventi Sportivi
roma - lazio derby

Con cinque giornate ancora da disputare, il derby romano presenta diversi temi d’interesse.

Intanto la situazione di classifica: per la Roma la questione scudetto è quasi del tutto archiviata, con la corazzata Juventus distante ben otto punti con quindici a disposizione, mentre per il secondo posto, tutto è ancora in ballo, considerando un calendario non propriamente favorevole per i giallorossi. Il Napoli è infatti indietro di quattro punti, ma la squadra di Spalletti oltre al derby avrà la sfida con la Juventus, che presenta il massimo grado di difficoltà, quindi la qualificazione Champions è ancora tutta da conquistare.

Lazio? Su sei derby giocati ne ho perso solo uno.
-Radja Nainggolan
Per quanto riguarda la Lazio, si tratta di consolidare il quarto posto in classifica, magari con un occhio al cammino del Napoli, che attualmente è distante 7 punti e risulterà difficilmente raggiungibile, ma visto anche l’ultimo passo falso dei partenopei, chissà che una vittoria nel derby non possa riaprire la corsa della squadra di Inzagho al piazzamento che vale il preliminare Champions.

I temi del derby

Come sempre però, il derby Roma – Lazio non riguarda solo il piazzamento in classifica, i temi sono diversi. Innanzi tutto la mera rivalità tra le due squadre: quanto sarebbe bello per i laziali lasciare i giallorossi a -11 dalla Juve (qualora vincesse con l’Atalanta) e affossare anche l’ultimo lumicino di speranza in chiave scudetto? Così come per la Roma riaffermare anche in questa annata una supremazia cittadina che dura ormai da tempo.

Ma in casa romanista c’è anche altro. Ieri sera nella tranquilla trasferta di Pescara il di solito mite Edin Dzeko manda a quel paese in modo plateale Luciano Spalletti. Una reazione che ai più è sembrata esagerata, anche se il bosniaco è in corsa per la classifica dei marcatori e quindi in parte si può comprendere il suo sfogo.

Toccherà vedere come Luciano Spalletti e la società gestiranno la questione, difficile, difficilissimo ipotizzare che Dzeko venga fermato per motivi disciplinari proprio in occasione del derby con la squadra in piena corsa per obiettivi vitali, se accadesse saremmo veramente molto sorpresi.

Altra questione, che riguarda ormai gli ultimi vent’anni della storia romanista: Francesco Totti. Quest’anno è stato impiegato veramente poco, anche con alcuni ingressi in campo a fine gara che hanno certamente lasciato l’amaro in bocca al capitano. Medita l’addio a fine stagione? Non si sa, probabilmente continuerà, ma per la prima volta la parola ritiro comincia ad apparire tra le opzioni di Totti. Quest’anno infatti compirà 41 anni, tanti, anche per chi come lui ha tracciato la storia del club giallorosso dalla seconda metà degli anni novanta in poi.

Piacerebbe a tutti i tifosi di calcio, indipendentemente dalla fede, che Totti possa avere ancora qualcosa da raccontare, ma più passa il tempo e più diventa obiettivamente difficile. Ma chissà, al momento non c’è nulla di certo, ma che possa essere l’ultimo derby di Francesco Totti è un’eventualità.

Si comincia domenica 30 alle 20.45, buon derby!

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Mobile Sliding Menu